La diatriba della monnezza in salsa mirabellese

Cari Bloggers,

lo scorso 25 Settembre si è discusso del DPRS 127/08, che in sostanza riduce gli ATO da 27 a 9.

Tutti i sindaci del calatino hanno presentato ricorso contro questo provvedimento, perchè accorpare l’ATO 5 (comprensorio calatino) a un ente fallimentare e indebitato come l’ATO Catania è un’operazione destinata a creare disagi.

Il consiglio comunale, andando contro l’iniziativa dell’amministrazione comunale, ha approvato il provvedimento del presidente della Regione e ciò ha scatenato l’ennesima polemica tra ex e nuova maggioranza consiliare.

È evidente che, a prescindere dalle diatribe interne o dall’azione dei sindaci del calatino, la decisione finale verrà presa a Palermo e con tale decisione ci toccherà convivere.

Cosa fare adesso?

Se è vero che il bisogno aguzza l’ingegno, quale miglior occasione per ribaltare il concetto della produzione e smaltimento dei rifiuti, per entrare finalmente nella forma mentis che quello che per noi è un rifiuto, per un’industria è una materia prima?

Oltreoceano esistono delle aziende private che competono con le municipalizzate per la gestione dei rifiuti (, acquistando dai cittadini i rifiuti differenziati, per poi rielaborarli o venderli all’ingrosso sul mercato delle materie prime e seconde.

Alcuni produttori di machine self service hanno creato dei modelli “reverse vending“, dove inserendo per esempio delle bottiglie vuote o delle lattine, si ottengono dei buoni spesa o dei soldi.

Finalmente questa rivoluzione è arrivata in Italia: a Moncalieri (To) è nato il primo negozio che acquista i rifiuti differenziati: questi vengono pagati a peso in base alle quotazioni di mercato che variano di settimana in settimana. Il prezziario si aggira intorno ai:
50 centesimi per un Kg di alluminio o di vetro.
20 centesimi per un Kg di ferro
18 centesimi per il Pet
5 centesimi per la carta.

La Recoplastica sbarcherà presto in Sicilia e a fare da capofila sarà Messina, con l’apertura prevista di 90 Ecopunti.

Questa potrebbe essere un’occasione utile per Mirabella Imbaccari e per la comunità del calatino, dove anche i privati potrebbero creare delle imprese profittevoli in questo campo, costituendo un’alternativa e un complemento all’ATO, creando ricchezza per il nostro sistema economico.

Visto che è unanimamente riconosciuto che la via per affrancarsi dal clientelismo e dalle manovre della politica dei palazzi è quello di creare un tessuto economico ed imprenditoriale sano, perchè non cogliere questa palla al balzo?

O dobbiamo aspettare che Mirabella si trasformi in una periferia napoletana?

12 commenti

Archiviato in Uncategorized

12 risposte a “La diatriba della monnezza in salsa mirabellese

  1. Salvo

    Un’attività del genere si manterrebbe solo con le bottiglie che producono i nostri ristoranti! Quasi quasi…

  2. salvo14

    Bella idea Blochin, ma con le teste di zippo che ci ritroviamo…

  3. Salvo

    E allora accettiamo l’accorpamento degli ATO con questa politica dei rifiuti? Io una cosa del genere la vedrei bene a Mirabella: lo spazio ce l’abbiamo, il materiale da riciclare pure…la volontá politica non dovrebbe mancare nemmeno, visto che oramai siamo ai ferri corti 😉

  4. salvo14

    Ho avuto un po’ di tempo per fare un giro nella rete, alla ricerca dell’argomento, direi geniale.
    Inviterei il vice sindaco a contare immediatamente Recoplastica, per dagli un aiutino ecco i numeri CONTATTI
    Telefono
    011.984.18.24
    Fax
    011.984.82.34

  5. Franco

    Bella idea! Se i privati lavorano per un profitto, sicuramente riusciranno a fare qualcosa di buono. Il comune dovrebbe solo dare una spinta!

  6. AN Mirabella

    SCRITTO SU “LIOTRU IN VENDITA”

    Blochin // Ottobre 2, 2008 a 9:52 am

    Mi sono iscritto al PDL ed è pronto un Lodo Cuius 😉
    #

    AN Mirabella // Ottobre 4, 2008 a 7:22 pm

    Ma uno che si è candidato con la lista dei “Grillini” come fa ad iscriversi nel PdL,
    dov’è la tua coerenza????????

    Hai chiesto il permesso a Beppe Grillo??????????

    Ma !!!!!!!!!!!!.
    Mi sembra che nella tua campagna elettorale un “tale” Beppe, su un maxi schermo montato in piazza, diceva peste e corna del PdL, dei partiti e dei costi della politica;
    però i suoi amici candidati in tutta Italia andavano a prendersi i contributi pubblici,
    pagati da noi contribuenti.

    Comunque, quando hai tempo spiegami perchè ti sei candidato alle Regionali
    e che cosa speravi di fare o di ottenere?????????

    Ma nel tuo Lodo che cosa scriverai?

    “Già Grillino,
    ora sono saltato nel PdL
    per cercare foglie più verdi da sgranocchiare”

    Comunque, siccome siamo persone aperte al dialogo con tutti,
    ti diamo il benvenuto!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    Tanto siamo abituati ai “salti”nbanchi!!!!!!!!!!!!!!!
    Ogni riferimento è puramente voluto.

  7. blobbster

    Non so se si era capita l’ironia o tu vuoi essere più ironico di me.
    In tal caso, ci sei riuscito 😉

    Blochin

  8. Franco

    @An Mirabella: secondo me l’ironia non l’hai capita. Il messaggio è molto più sottile!

  9. sicanosiciliano

    questo AN è un personaggio strano…cerca sempe di fare inutilmente polemica con blochin….
    la battuta del suo passaggio al PDL era appunto una BATTUTA…ironia!
    mentre il fatto che tu non capisca o non voglia capire fa intendere che sei un personaggio STRANO!

  10. AN Mirabella

    x Sicanosiciliano
    Io non ho espresso insulti contro nessuno!

  11. AN Mirabella

    X Franco
    Certo che avevo capito l’ironia :-),
    ma tu non hai capito la mia, mentre Blochin si 🙂

  12. AN Mirabella

    X Blochin
    Mi hai capito perfettamente 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...